Orientamento classi Prime e Seconde


rrossi

 

Prof.ssa Renata Rossi
Orientamento in itinere | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'Istituto “G. Marconi” prevede un'attività di accompagnamento con l'obiettivo di valorizzare le capacità e le attitudini di quegli studenti di classe prima e seconda che durante l'anno scolastico presentano, secondo il Consiglio di Classe, una situazione di grossa difficoltà nell'affrontare il percorso di studi intrapreso.

Questa attività di accompagnamento vuole venire incontro agli studenti individuati perchè possano proseguire con maggiore consapevolezza nel proprio percorso formativo e riuscire a realizzare il proprio progetto personale e professionale.

Le attività saranno svolte durante le ore di lezione, se individuali, o anche nel pomeriggio da docenti interni alla scuola o da operatori esperti di orientamento.

Il percorso prevede :

  • sportelli di consulenza con studenti e/o genitori

  • attività di gruppo sul metodo di studio

  • una interazione con il Progetto I.N.S.I.E.M.E. o con altri progetti che contribuiscono al successo formativo

  • sportelli di orientamento informativo per chi decide di cambiare percorso.

Ai genitori degli studenti interessati verrà richiesta prima un'autorizzazione ed un consenso all'iniziativa.

Per eventuali dubbi o chiarimenti, i genitori possono fare riferimento alla Figura Strumentale per l'Orientamento prof.ssa Renata Rossi

( oQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

I nostri studenti che “vanno male” (studenti ritenuti senza avvenire) non vengono mai soli a scuola. In classe entra una cipolla con svariati strati di magone, paura, preoccupazione, rancore, rabbia, desideri insoddisfatti, rinunce furibonde accumulati su un substrato di passato disonorevole, di presente minaccioso, di futuro precluso. Guardateli, ecco che arrivano, il corpo in divenire e la famiglia nello zaino. La lezione può cominciare solo dopo che hanno posato il fardello e pelato la cipolla. Difficile spiegarlo ma spesso basta solo uno sguardo, una frase benevola, la parola di un adulto, fiduciosa, chiara ed equilibrata per dissolvere quei magoni, alleviare quegli animi, collocarli in un presente rigorosamente indicativo.

Naturalmente il beneficio sarà provvisorio, la cipolla si ricomporrà all'uscita e forse domani bisognerà ricominciare daccapo. Ma insegnare è proprio questo: ricominciare fino a scomparire come professori. Se non riusciamo a collocare i nostri studenti nell'indicativo presente della nostra lezione, se il nostro sapere e il piacere di servirsene non attecchiscono su quei ragazzini e quelle ragazzine, nel senso botanico del termine, la loro esistenza vacillerà sopra vuoti infiniti. Certo, non saremo gli unici a scavare quei cuniculi o a non riuscire a colmarli, ma quelle donne e quegli uomini avranno comunque passato uno o più anni della loro giovinezza seduti di fronte a noi. E non è poco un anno di scuola andato in malora:

è l'eternità in un barattolo.

 

 

Ogni studente suona il suo strumento, non c’è niente da fare. La cosa difficile è conoscere bene i nostri musicisti e trovare l’armonia. Una buona classe non è un reggimento che marcia al passo, è un’orchestra che prova la stessa sinfonia. E se hai ereditato il piccolo triangolo che sa fare solo tin tin, o lo scacciapensieri che fa soltanto bloing bloing, la cosa importante è che lo facciano al momento giusto, il meglio possibile, che diventino un ottimo triangolo, un impeccabile scacciapensieri, e che siano fieri della qualità che il loro contributo conferisce all’insieme. Siccome il piacere dell’armonia li fa progredire tutti, alla fine anche il piccolo triangolo conoscerà la musica, forse non in maniera brillante come il primo violino, ma conoscerà la stessa musica”

                                                 Daniel Pennac  “ Diario di scuola”- 2007